Lettera di Auguri ai nostri Studenti

Cari Ragazzi,

 

In occasione di queste festività, per le quali porgo a Voi ed ai Vostri cari i miei più cordiali Auguri, desidero anche informarVi sulle novità che si sono realizzate nell’Ente che ho il privilegio di presiedere. Mi rivolgo ancora una volta a Voi che considero, come più volte dichiarato, gli unici destinatari di ogni misura attuata dall’Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario di Catania. La centralità dello Studente in tutti gli interessi dell’Ente è un imperativo assoluto da cui nessuno si deve distaccare.

 

Ristorazione

Finalmente la gara per la ristorazione dopo un lunghissimo e oscuro periodo di incertezze e di complesse controverse amministrative si è conclusa e , grazie al parere dell’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Catania, abbiamo firmato il contratto con la Ditta Pellegrini che ha pertanto già ultimato i lavori delle cucine e i saloni mense mettendole tutte ovviamente a norma . Sono stati anche eseguiti importanti interventi strutturali in via Oberdan mettendo in sicurezza la mensa e di conseguenza i sessanta posti letto ubicati nei piani superiori, che sono stati così riassegnati ai residenti dopo ben cinque anni di chiusura forzata.

Accanto alle Mense Cittadella e Oberdan, nuove di zecca, abbiamo deciso di mantenere il ristorantino di via Vittorio Emanuele, molto gradito dagli Studenti, che era stato aperto con intento temporaneo .

Il primo Ottobre difatti, in presenza delle più alte Autorità cittadine e soprattutto di centinaia di Studenti, abbiamo proceduto alla Cerimonia inaugurale delle mense, considerate oggi tra le migliori dell’Italia meridionale. Ci auguriamo che la qualità sia sempre buona e, nonostante noi con i nostri dirigenti procediamo spesso a sopralluoghi, desidero che siate Voi a garantirne un monitoraggio continuo. Vi prego pertanto di segnalare qualsiasi anomalia o fornire qualsiasi suggerimento in modo tale da rappresentarlo ufficialmente alla Ditta appaltatrice.

Il Vostro interlocutore per questo aspetto deve essere il Signor Lo Bianco, Responsabile della U.O.2 cui potete inviare una email a l seguente indirizzo : galobia@libero.it, indicando le motivazioni del reclamo.

Da gennaio sarà comunque somministrata una scheda di customer satisfaction che ci consentirà di trarre conclusioni su grandi numeri sul gradimento o meno del servizio di ristorazione da parte di Voi studenti ed anche del personale docente e tecnico amministrativo dell’Ateneo, che da ottobre ha accesso alle mense seppure con trattamento economico diverso. Ecco perché vi prego di compilare questa scheda con serietà e responsabilità evitando qualsiasi faziosità. Noi per nostro conto abbiamo chiesto al personale addetto dell’ASP territoriale e del servizio veterinario di vigilare attentamente sugli aspetti qualitativi del cibo somministrato.

Ex Hotel Costa

Il secondo enorme problema che abbiamo ereditato dalle precedenti amministrazioni riguarda il contenzioso con la SAR Costruzioni in merito all’ex Hotel Costa. Una vicenda complessa gravata da conseguenze legali che avevano portato al pignoramento di più di due milioni di euro a danno dell’ERSU e che rischiavano di impantanare l’Ente per non si sa quanti anni e con quali conseguenze. E , come sempre, a pagarne le conseguenze sarebbero stati gli Studenti del nostro Ateneo che avrebbero continuato a venire privati di 300 posti letto. Non appena insediato ho studiato tutto il carteggio e ho, insieme al Consiglio di amministrazione, lavorato celermente su due direttive: La prima è stata quella di rafforzare la linea difensiva , coinvolgendo l’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Catania e su suggerimento della stessa, dando incarico al Prof. Avv. Antonino Mirone, e la seconda è stata quella legata alla sicurezza dichiarando che nessuno Studente avrebbe messo piede nell’ex Hotel Costa se prima non fossero stati garantiti tutti i presupposti di sicurezza e primo tra tutti quello sull’adeguamento antisismico. Tale affermazione è stata condivisa con le massime Autorità accademiche e cittadine oltre che con la Prefettura e la Protezione Civile.

Naturalmente si è scatenato un violento contraddittorio con la proprietà in quanto questa non riteneva legittima la richiesta di adeguamento antisismico della struttura mentre per noi rappresentava un imperativo assoluto. Già nel novembre del 2013 il C.d.A. aveva approvato una bozza di transazione tra ERSU e SAR Costruzioni proposta dall’Avv. Mirone che ovviamente poneva al primo punto la sicurezza. Soltanto nell’aprile del 2014 il Genio Civile ha approvato il secondo progetto di adeguamento antisismico alla SAR e così sono andate avanti le trattative, non sempre serene, sino a quando, supportati dal parere dell’Avvocatura Distrettuale dello Stato e dell’Assessorato alla Formazione, nella seduta del 29 novembre 2014 il C,d.A. ha delegato il Presidente alla firma del contratto per la transazione e per l’affitto subordinato all’adeguamento sismico e naturalmente alla conformità di ogni impianto necessario. L’immobile dovrà essere consegnato “chiavi in mano” con mobilio nuovo di zecca, ignifugo e di ottima qualità.

Ma prima di procedere comunque alla firma del contratto abbiamo ritenuto doveroso inviare tutto il carteggio al Signor Assessore Regionale alla Formazione e Pubblica Istruzione nonché al Signor Prefetto, al Signor Sindaco ed al Magnifico Rettore di Catania e ,con questo mezzo, informare anche tutti Voi.

Ecco quindi che finalmente dopo sei anni gli Studenti avranno di nuovo, non appena firmato il contratto e terminati i lavori necessari, una residenza sicura e a loro molto gradita perché allocata al centro di Catania e in posizione strategica rispetto alle varie sedi universitarie e con la possibilità di disporre di una mensa all’interno.

La soluzione del contenzioso ERSU – ex Hotel Costa consentirà di dismettere quelle case che non rispondono a requisiti di qualità, sicurezza e funzionalità per i nostri Ragazzi e così abbiamo già inviato le disdette a tutti a termine di contratto per evitarne taciti rinnovi ed la certificazione antisismica. Abbiamo già dismesso la residenza fatiscente di via san Giuliano e la casa di vale Africa -via Messina.

Abusivi”

Un terzo aspetto che abbiamo risolto è stato quello della “guerra agli abusivi” ovvero a quegli Studenti che pur non avendone diritto alloggiavano nelle nostre residenze. La soluzione è stata semplice: abbiamo portato l’indice di occupazione da una media del 60% a quasi il 95% . Questo dato che riflette anche l’indice di gradimento delle nostre residenze rappresenta di per sè il correttivo a qualsiasi tentativo di abusivismo e consente di utilizzare il restante 5% per una foresteria assegnata con criteri chiari e regolamentati in modo preciso.

Furbetti”

Una seconda “ guerra” la abbiamo dichiarata a chi continuava a presentare dichiarazioni mendaci per l’assegnazione di benefici economici e alloggi. Infatti da numerose denunzie da parte degli studenti emergevano situazioni irregolari in cui a seguito di “trucchetti” alcuni ragazzi senza scrupoli riuscivano ad ottenere i benefici senza averne diritto. Per questo abbiamo chiesto di siglare un protocollo d’intesa con il comando Generale della Guardia di Finanza che ha provveduto subito ai controlli di pertinenza. La pubblicizzazione di detti controlli ex post ( anni precedenti ) ha da una parte consentito di individuare e sanzionare molte posizioni irregolari e allo stesso tempo è servito da monito a chi stava compilando la domanda di partecipazione al bando di quest’anno ; questo effetto certamente positivo è testimoniato dal fatto che ben 4000 domande su 9000 sono state corrette “in tempo”, ovvero nei tempi previsti dal Bando !

Sono quindi finiti i tempi in cui Studenti appartenenti a famiglie benestanti “rubavano” risorse a chi ne aveva realmente diritto falsificando dichiarazioni di reddito o dichiarando menzogne!

Spero che questi misfatti non accadano più perché non lo consentiremo a nessuno e inoltre saremmo molto dispiaciuti di osservare gli inevitabili risvolti penali conseguenti a mendaci autodichiarazioni e inevitabili sanzioni amministrative. Questo vale per gli Studenti Italiani come per quelli stranieri.

Niente più file

La promessa “niente più file” è stata anch’essa onorata. Prima del mio insediamento infatti gli Studenti avevano l’obbligo di presentare “de visu” la domanda di partecipazione al Bando e questo li costringeva a lunghe file sotto il sole o la pioggia sui marciapiedi di via Etnea. Abbiamo pertanto modernizzato il sistema introducendo il nuovo Bando telematico regionale che consente di parteciparvi comodamente da casa. Naturalmente il bando è perfettibile e speriamo nella prossima edizione di migliorarlo ancora, anche con la Vostra collaborazione fattiva attraverso la voce dei Vostri rappresentanti al C.d.A.. Per i tesserini mensa saranno solo gli Studenti del primo anno a doversi recare negli uffici ,per problemi identificativi, mentre i rinnovi saranno tutti telematici.

Edilizia Residenziale

Anche sul piano della edilizia residenziale siamo riusciti a recuperare un finanziamento che si era perduto per la realizzazione di 74 nuovi posti letto alla Cittadella. Grazie all’intervento congiunto di questa presidenza, del Magnifico Rettore e del Prof Giuseppe Catalano, componente della Commissione Nazionale sul diritto allo Studio, il finanziamento di un milione e duecentomila euro assegnato ex Legge 338, che era stato sospeso e riassorbito, è stato recuperato e oggi, se andate alla Cittadella, potrete vedere un cantiere che celermente procede per la realizzazione di questa nuova struttura, che speriamo sia pronta per l’assegnazione dell’ anno Accademico 2015-2016

Questa gara è stata gestita con la massima trasparenza dall’ UREGA ( Ufficio Regionale Espletamento Gare e Appalti pubblici) e tutti gli altri i appalti e gare, non gestibili dall’UREGA, sono stati espletati con la massima trasparenza e legalità dai Dirigenti dell’ERSU di Catania. Per garantire i presupposti fondamentali di legalità e trasparenza ho chiesto ed ottenuto dagli uffici di rendere pubblici gli atti e i procedimenti oltre che tutti i verbali delle riunioni del Consiglio di Amministrazione mediante pubblicazione sul nostro sito.

Poiché sappiamo che tra pochi mesi sarà pubblicato l’ultimo bando ex legge 338, siamo già pronti a parteciparvi chiedendo finanziamenti sia per il ripristino dei 60 posti letto da anni chiusi alla Cittadella a seguito di un grave danno strutturale, che per la realizzazione di un progetto ambizioso per il risparmio energetico delle nostre residenze.

Siamo finalmente riusciti a completare la gara per l’acquisto dei nuovi arredi (mobilio) per le nostre residenze, che saranno montati entro febbraio e sostituiranno quelli vecchi di più di quarant’anni. Abbiamo già provveduto alla sostituzione di tutti i materassi e i cuscini che non venivano cambiati da decenni ( si leggeva ancora su di questi “Opera Universitaria” !) e abbiamo approvato in bilancio le somme per la climatizzazione delle stanze.

 

ERASMUS

Abbiamo finalmente aperto la Residenza di via Etnea ( la Toscano Scuderi) che, oltre ad ospitare nostri studenti assegnatari, è utilizzata per gli studenti ERASMUS stranieri che possono essere alloggiati in una casa prestigiosa sita al centro della Città. Abbiamo infatti registrato una impennata di gradimento rispetto a prima quando gli Studenti stranieri erano ospitati in una casa ( la Caracciolo) sita in zona periferica e mal servita da mezzi pubblici. Il gradimento è espresso dall’indice di occupazione che oggi è del 100% mentre in precedenza non era neanche calcolabile in quanto gli studenti ERASMUS lasciavano quasi tutti la residenza cui erano stati assegnati per trasferirsi in altri alloggi più funzionali offerti dalle varie associazioni studentesche. Garantire un’ eccellente housing e catering è fondamentale per incrementare l’internazionalizzazione che rappresenta un obiettivo strategico di grande rilevanza per l’Università. Inoltre l’osmosi che si viene a creare tra assegnatari e stranieri rappresenta un aspetto culturale di per sè molto interessante per le prospettive di ciascun studente. Anche per questo abbiamo inserito sul sito un filmato in lingua inglese, realizzato a costo zero, che illustra tutti i servizi dell’ERSU di Catania e delle sedi decentrate.

 

Sedi Decentrate

A Siracusa abbiamo chiuso la vecchia casa de “La Graziella” , fatiscente e priva dei più elementari presupposti igienico-abitativi, per aprirne un’altra nella più bella zona di Ortigia – la Giudecca-( 27 posti) modernissima e veramente molto apprezzata dai Ragazzi della Struttura Didattica Speciale di Architettura. Anche a Ragusa siamo riusciti a rispettare i tempi aprendo la Casa Castilet (19 posti), una bellissima e suggestiva residenza consegnataci dal Consorzio Universitario di Ragusa allocata nel bel centro di Ragusa Ibla che oltre ad ospitare gli Studenti della Struttura Didattica Speciale di Lingue di Ragusa, è a disposizione per docenti e Studenti stranieri .

Stiamo mettendo a punto protocolli d’intesa con Atenei italiani e stranieri per l’utilizzo delle nostre residenze durante la pausa estiva. Ciò Vi consentirà di conseguenza di utilizzare le residenze delle sedi gemellate.

Aule Studio

Da circa un anno abbiamo aperto e messo a disposizione di Voi Studenti tre Aule Studio: Quella della “Cittadella”, la “Toscano-Scuderi” e la “via Carrata”. Per decreto presidenziale la gestione è stata affidata alle associazioni studentesche ottenendo così da una parte una sensibile riduzione dei costi di gestione ( meno della metà) e dall’altra una valorizzazione della forza lavoro studentesca. Quanto prima si procederà ad un secondo bando che consentirà nuovamente la partecipazione di tutte le Associazioni per la gestione delle Aule Studio con , si auspica, un ricambio gestionale. Un importante danno strutturale ci ha costretto a “smontare “ la Palla di Neve consegnata da anni all’Università come Aula studio per il Dipartimento di Farmacia. Anche per questa struttura abbiamo richiesto uno specifico finanziamento che ci consentirà di riconsegnarla agli Studenti dopo averla ripristinata e rimessa in sicurezza.

Sito Internet e forum su Facebook

Grazie all’impegno dell’Ufficio stampa disponiamo già da più di un anno di un moderno ed apprezzato sito internet ( https://www.ersucatania.it/ ) e a seguito di una mia ferma richiesta si è attivato un forum continuo con Voi studenti che ci consente di avere costantemente il polso dell’efficienza dei nostri servizi e anche delle nostre carenze. Qualora non lo faceste già, Vi invito a visitare il sito e a partecipare al nostro forum attraverso la pagina Facebook che permette di ottenere da casa risposta ai vostri quesiti. L’Ufficio stampa mi riferisce che il gradimento è stato alto superando gli 11000 “mi piace” in breve tempo.

Da un anno abbiamo anche attivato un Ufficio relazioni con il Pubblico (URP) .

Attività Culturali

Grazie ad una rigida politica di lotta agli sprechi siamo riusciti a risparmiare alcune somme che abbiamo deciso di assegnare comunque agli Studenti sotto forma di premi. Per questa ragione abbiamo istituito il premio Letterario Pirandello, il Premio sul giorno della Memoria, il premio di pittura Katane e molti altri. Dando voce alla creatività degli Studenti si resta sorpresi di quanto siate bravi e quanto importante sia la necessità di offrirVi la possibilità di esprimerVi e di essere apprezzati non solo dalla comunità accademica ma anche dalla Città. Molte sono state le personalità che hanno partecipato alla realizzazione delle nostre attività culturali da Vittorio Sgarbi a Simonetta Agnello Horby,Leo Gullotta a molti altri ancora, tutti intervenuti sempre e rigorosamente a titolo assolutamente gratuito.

La “sfida”

Il Politecnico di Milano aveva proposto di svolgere uno studio basato sulla valutazione comparativa tra i servizi erogati dall’ERSU di Catania e quelli del il Campus Aragona ( residenza privata catanese) nel contesto del “rapporto sulla sussidiarietà e qualità nei servizi sociali”. Inizialmente il personale dell’Ente tendeva a sottrarsi ad una analisi ,peraltro comparativa, ma non è stato difficile fargli comprendere che questa era una formidabile occasione di valutazione del cambiamento. Nell’accettare la sfida , infatti, ho chiesto ed ottenuto dai Colleghi del Politecnico di fare due rapporti: il primo avrebbe fotografato la realtà “storica” , ed un secondo, fotografando la realtà nell’Anno Accademico 2014-2015, ci avrebbe permesso di avere contezza dei risultati ottenuti da una amministrazione più attenta e virtuosa. Se la valutazione del primo rapporto non è stata, così come ci aspettavamo, soddisfacente ci è servita molto per fare emergere criticità ed errori gestionali che abbiamo corretto. Siamo quindi pronti al secondo step sicuri che i dati che si otterranno dimostreranno gli effetti di una politica di rigore e di lotta agli sprechi e soprattutto di miglioramento dei servizi erogati.

Porta a Porta

Sciolti tutti i pericolosi nodi che affliggevano l’Ente abbiamo iniziato una serie di sopralluoghi nelle residenze allo scopo di venire a conoscenza e risolvere la gran parte dei problemi dei nostri Ragazzi. Dalla caldaia che funziona male al rubinetto che perde e a tutti quei problemi spiccioli che comunque arrecano disagio agli Studenti. Per questo ho iniziato le visite e il confronto con i residenti nelle Residenze Cittadella, Oberdan e Musco e subito dopo le feste completerò con le restanti. Si tratta di confronti “tecnici” e per questa ragione ho pregato di venire con me il Coordinatore, il Dirigente dell’UO 2 e il responsabile dell’Ufficio tecnico oltre che ovviamente i responsabili delle residenze. I verbali redatti durante questi incontri sono pubblicati sul sito e servono a non dimenticare le problematiche affrontate!

Il mio sogno è quello di riuscire a consentire ai nostri Ragazzi di usufruire di una ospitalità alberghiera confortevole che gli consenta di studiare serenamente e comodamente .

 

Ciliegina sulla torta

Sono veramente felice di poter comunicare a tutti Voi che grazie all’impegno del personale dell’ERSU ed in particolare dell’Ufficio Assegnazioni e dell’Ufficio Ragioneria per la prima volta dopo moltissimi anni siamo riusciti a pagare la prima rata delle borse di studio (per l’Anno Accademico 2014-2015) entro il 31 dicembre. Un ringraziamento sincero va all’Assessore regionale alla Formazione e Pubblica Istruzione, alla direzione del Dipartimento dello stesso assessorato e particolare al Magnifico Rettore che su mia richiesta ha immediatamente provveduto far trasferire quella quota che ci serviva per completare il pagamento della rata per tutti i Ragazzi.

Le casse dell’ERSU erano infatti rimaste vuote perché abbiamo deciso di procedere al saldo di tutte le somme dovute , da anni, ai nostri Ragazzi. Gli Studenti vantavano difatti crediti a vario titolo ma sempre legittimi per più dì due milioni di euro che, grazie ad un improbo lavoro dell’ufficio assegnazione e di ragioneria, abbiamo finalmente pagato.

Il rigore amministrativo ci ha però imposto anche una misura dolorosa: La richiesta di rimborso agli Studenti delle somme erogate in appropriatamente. Ma anche in questa occasione siamo stati molto attenti a garantire i nostri Ragazzi infatti non abbiamo richiesto interessi e abbiamo acconsentito a restituire le somme ricevute senza averne diritto con comode rate entro un anno dal momento della notifica.

Permettetemi infine quindi di ringraziare Tutti i Dirigenti, Funzionari e Dipendenti dell’ERSU di Catania che stanno dando il meglio di se per cercare di garantirVi servizi efficaci ed efficienti e di offrirVi con cordialità e affetto tutte le attenzioni che meritate, molto si è fatto ma molto ancora si dovrà fare.

Buon Natale e felice 2015 a Voi e alle Vostre famiglie

 

Alessandro Cappellani

Professore di Chirurgia Generale all’ Università di Catania e Presidente ERSU Catania